Bloccato il bonus 110% per gli alberghi. Assohotel Bologna: Una forte delusione. Siamo un settore sacrificabile?

Il presidente dell'associazione di categoria Paolo Mazza commenta la decisione del governo: "Prima si riempiono la bocca e poi ci lasciano in disparte. Ma non eravamo il 15% del pil nazionale? Spero ancora sia una defaillance"

Cancellazione del bonus 110% per la ristrutturazione degli alberghi e delle strutture ricettive, la categoria: "Quasi imbarazzante. Una grande delusione dopo che si era tanto parlato di quanto sia importante un settore che porta il 14%-15% del pil. Si parla tanto di green, si parla tanto del know-how italiano e poi veniamo trascurati in questa maniera" il commento di Paolo Mazza, presidente Assohotel Bologna e vicepresidente provinciale. Dura anche la reazione dell'assessore regionale al turismo Andrea Corsini, che l'ha definita una penalizzazione incomprensibile rivoltà per altro a uno dei comparti che ha più sofferto la pandemia. 

Come avete reagito alla notizia? "E' stata una forte delusione, assolutamente incoerente con tutto quello che si è detto sul nostro settore. Lo stesso premier Mario Draghi ci ha definiti 'importanti', così come lo è il nostro 14-15% di pil, mentre nessun partito si è opposto al bonus. E poi tutto viene meno. Il senso non è avere un aiutino per la crisi post Covid quanto dare delle armi per essere competitivi e soprattutto per farci diventare più green". 

Gli hotel e le strutture ricettive in effetti sono energivore. Per questo pensate che sarebbe necessario un incentivo ad aggiornarle sotto il profilo della sostenibilità? "Certo, le nostre sono aziende energivore e mentre ci si riempie la bocca con il green poi nei fatti non ci sono gli strumenti per farci fare questo salto. La scelta di non concederci il bonus del 100% è come affermare che il nostro è un settore sacrificabile. Eppure il kow-how italiano significa ospitalità e non semplicemente dare alloggio".

Pensa che il governo possa tornare indietro su questo punto? "Mi auguro di sì. Io sono speranzoso e confido in una defaillance che possa essere recuperata". 

 

Stralcio da Bolognatoday.it